Presepi Viventi nel Salento : il calendario.

Natale nel Salento significa anche : Presepi Viventi. Eh si cari amici , è diventata negli anni una vera tradizione quella di dare vita a presepi viventi  molto suggestivi e originali.

Dal Nord Salento al Sud Salento, insomma, non è Natale senza presepe vivente. Vediamo insieme il calendario dei più suggestivi presepi viventi salentini.

parco archeologico di Caprarica

 

Nel periodo natalizio, come ogni anno, in diversi paesi del Salento si vive un’atmosfera festosa e unica creata dai Presepi viventi che trasformano i centri storici in luoghi suggestivi, pieni di luci , colori e profumi e che riportano  ogni visitatore indietro nel tempo.

un momento di un presepe vivente salentino

Vi vogliamo proprorre un calendario con i vari presepi allestiti e creati con dedizione impegno nei vari comuni del Salento:

TRICASE :    da ben 38 anni sorge un vero e proprio   villaggio posto  ai piedi di Monte Orco  dove  il visitatore sembra arrivare direttamente  nella Palestina di Erode. Due chilometri di pura  scenografia realizzata nei minimi dettagli: i pescatori, la grande ruota azionata dall’asino per prelevare l’acqua dai pozzi, il brusio delle api e il paziente  lavoro dell’apicoltore, il conciatore alle prese con l’arte del “pelacane” (dalla spremitura delle ghiande della quercia vallonea si ricavava il tannino, sostanza acida, fondamentale per pulire le pelli e renderle morbide), le pajare in miniatura, le botteghe per un totale di 26 scene. Il presepe è visitabile nei giorni 25, 26, 29, 30 dicembre e a gennaio nei giorni 1, 3, 5 e 6 dalle 17 alle 20.30.

presepe a Tricase

SPECCHIA : Una vera rappresentazione quella inscenata a Specchia in occasione del presepe vivente. Chiamata  la “Betlemme salentina” conta oltre 200  figuranti tra grandi e piccini. Alcune tra le scene che troveremo sono: l’annunciazione, la visita di Maria a sant’Elisabetta, il matrimonio, la sinagoga, gli scriba, il cestaio, il muratore, il falegname, le massaie, i casari, l’oste pronto ad offrire vino nuovo, pittule e “pane rrustutu” (pane arrostito). Quest’anno arricchiranno il presepe nuove strade e per la prima volta si potrà scendere nel suggestivo frantoio ipogeo “Scupola”.  Il presepe è visitabile nei giorni 25, 26, 30 dicembre e l’1 e il 6 gennaio dalle 17,30 alle 21.

TAURISANO :  a Taurisano protagonisti del presepe sono i giovani della Pastorale giovanile che riunisce le quattro parrocchie del paese.  Un’occasione unica  per i più giovani per impersonare nei mestieri più antichi come il cestaio, l’oste, la massara ecc.. Il presepe sarà visitabile nei giorni 25, 28 e 30 dicembre, 1 e 6 gennaio. Tutte le info sono aggiornate in tempo reale  sulla pagina Fb “Presepe vivente dei giovani Taurisano”.

 

ALLISTE : Ogni anno quando la campana della chiesa di San Quintino annuncia la venuta al mondo di Gesù, Alliste accende la cometa in alto sulla serra e prende il via una fiaccolata  che inaugura il presepe rupestre. Il 24 dicembre, dopo la messa di mezzanotte, il presepe apre i battenti. Le visite potranno proseguire nei nei giorni 25, 26 e 30 dicembre, 1 e 6 gennaio dalle 18 alle 21,30.

 

TORRE PADULI (RUFFANO) Palazzo Pasanisi, diviene per il periodo di natala  una piccola Betlemme. L’atmosfera è antica e apre lo sguardo sui mestieri di una volta : dalla tessitura alla cardatura della lana, dal lavaggio dei panni con la cenere alla riparazione della terracotta.  A far sentire ancora di più l’atmosfera natalizia ci sono,poi,  i caratteristici suonatori di zampogna e ciaramelle . Il presepe vivente è visitabile nei giorni 25 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio dalle 17,30 alle 20,30.

CASTRO :  Tuffo nel  Medioevo per Castro, invece, che   torna ad essere una contea ricca e prosperosa. Sembrerà di essere ai tempi dei cavalieri, l’esercito ottomano e l’ordine dei Templari di Castro. Di sfondo, il popolo svolge le normali attività quotidiane tra vicoli e stradine che affacciano sul mare Adriatico.  La Natività è  abbracciata dalle storiche mura delle città. “Natale in contea” prende vita nei giorni 26 dicembre, 1 e 6 gennaio, dalle 17 alle 21.

GIUGGIANELLO  : Il paese più piccolo del Salento ha molto in comune con Betlemme, il villaggio più piccolo della Palestina. I mmerso tra gli ulivi della Masseria Pisanello,  tutto si svolge  nella semplicità  di quello che era la vita nell’epoca di Cristo.  Il presepe è visitabile il 23 dicembre e il 6 gennaio, dalle 18 alle 21.

CASARANO : il presepe si svolge nel centro storico del paese con ingresso da piazzetta d’Elia ed è organizzato e realizzato dall’associazione  “Amici del Presepe 96”. Per maggiori info sui giorni di visita e orari, c’è la pagina Facebook “Presepe vivente Casarano”.

Casarano versione presepe vivente


GALATONE :   sito nella Masseria “Li tre petre” lungo la strada provinciale per Santa Maria al Bagno. Per conoscere i giorni e gli orari di apertura visitare  la pagina Facebook “Presepe vivente di Galatone”.

SANTA CATERINA (NARDO’) : il presepe si sviluppa nel  caratteristico boschetto di via Pietro Micca ed è visitabile nei giorni 17, 26 e 30 dicembre, 1 e 6 gennaio dalle 17 alle 20.

NEVIANO : Per tutto il centro storico del paese, il presepe è aperto ai visitatori   nei giorni 25, 26 e 30 dicembre, 1 e 6 gennaio dalle 17 alle 21.

CAPRARICA DI LECCE : Il grande parco di archeologia sperimentale “Archeodromo Kalòs”per il periodo natalizio prende le sembianze di presepe vivente dove si alternano diverse scene originali sul  pendio della serra. Il presepe sarà visitabile nei giorni 17, 25, 26 e 30 dicembre, 1, 5, 6 e 7 gennaio dalle 17 alle 21.

SANT’ELIA (FRAZIONE DI SQUINZANO) :  è visitabile il 26 Dicembre, 1 e 6 Gennaio.

BARBARANO : organizzato dalla Parrocchia San Lorenzo Martire  è visitabile il 26 Dicembre, 1 e 6 Gennaio dalle 17.30 alle 21.00.

MATINO : Anche quest’anno l’associazione “Gli amici del presepe” ha allestito per le strade del centro storico un suggestivo presepe vivente. Le date ufficiali sono quelle del 26 e 30 dicembre – 1 e 6 gennaio.

 

Non vi resta altro che dedicere il presepe vivente da visitare, sappiamo per certo che la scelta sarà molto difficile!

 

#DiobenedicailSalento

 

 

SANTA MARIA DI LEUCA E LA LEGGENDA DI LEUCASIA

leucASIA

In un nostro precedente articolo abbiamo stilato una piccola classifica sulle 5 cose che affascinano un turista.  Un mix di luoghi e leggende che affascinano chiunque venga nel Salento. Ovvio, una classifica composta da 5 soli gioielli, è troppo ristretta per una terra come quella del Salento. Così ci è venuto in mente di raccontare una leggenda che non tutti conoscono.  Amore e gelosia fanno da contorno alla bellissima città di Santa Maria di Leuca. Ma perché si chiama Leuca? Leggi tutto “SANTA MARIA DI LEUCA E LA LEGGENDA DI LEUCASIA”

Otranto: il punto più a Est d’Italia è nel Salento

Una delle città più suggestive e belle del Salento è Otranto, cittadina ricca di storia e punto più a Est della penisola italiana. Questa posizione ha portato notevoli vantaggi ma anche svantaggi, nel corso dei secoli. Otranto, grazie alle recenti scoperte archeologiche, conserva alcune tra le più primitive testimonianze di rapporti con le popolazioni dell’area egea.

Leggi tutto “Otranto: il punto più a Est d’Italia è nel Salento”